5 Novembre 2021

Dantini in Toscana: giornata di festa a Cantagallo

Protagonisti della terza tappa, i ragazzi e le ragazze dell’Istituto comprensivo statale Lorenzo Bartolini. La presidente della commissione Cultura Cristina Giachi: “Ci è piaciuto che la celebrazione dei 700 anni uscisse dal mondo accademico e diventasse una festa popolare”. La presidente della commissione Sviluppo economico Ilaria Bugetti: “Dobbiamo continuare su questa strada per tramandare la memoria anche in chiave contemporanea”

Comunicato stampa n. 1123

di

Firenze – Giornata di festa a Cantagallo (Prato) per la terza tappa di ‘Dantini in Toscana’ il progetto di formazione e di teatro di strada partecipato che vede come protagonisti 500 bambini (100 per ogni Comune) ‘vestiti da Dante’ per celebrare la figura del Sommo Poeta.

L’iniziativa, promossa dal Consiglio regionale in collaborazione con i Comuni che la ospitano, è ideata e realizzata dall’associazione culturale Venti Lucenti in collaborazione con l’ufficio scolastico toscano, e vede la partecipazione del teatro del Maggio Musicale Fiorentino.

Questa volta sono stati coinvolti nello spettacolo Dante Lirico Game, presso la palestra della scuola primaria di Carmignanello, i ragazzi e le ragazze dell’Istituto comprensivo statale Lorenzo Bartolini.

A rappresentare il Consiglio regionale la presidente della commissione Cultura Cristina Giachi: “E’ il modo che ha scelto l’Assemblea legislativa toscana per festeggiare i 700 anni dalla morte di Dante. Pensare ai più piccoli e ai tanti Comuni della toscana, come Cantagallo, che magari rimanevano fuori dalle celebrazioni, nonostante ci sia qui vicino la magnifica Rocca di Cerbaia, frequentata anche da Dante”.

“E’ importantissimo essere qui – ha spiegato Cristina Giachi – e dare un segnale a questi piccoli cittadini e cittadine che potranno, in nome di Dante, ricordare e avere un senso di appartenenza al loro territorio. C’è piaciuto che la celebrazione dei 700 anni uscisse dal mondo accademico e diventasse una festa popolare sentita dalle persone. Pensare ai più piccoli è stato uno dei modi per ottenere questo risultato. Sono qui con la consigliera del territorio Ilaria Bugetti perché il Consiglio regionale ha voluto sostenere con forza questo evento organizzato da Venti Lucenti”.

“Siamo qui per un grande evento. Andare nelle scuole con i Dantini, con queste bambine e questi bambini, per me è un onore ed è anche come tornare a casa. Torno in luogo in cui sono stata amministratore per dieci anni, in questo luogo simbolo, vicino alla Rocca di Cerbaia, dove Dante è passato. Attraverso la scuola, attraverso i bambini, e attraverso questi progetti culturali la Regione ha messo in campo tante iniziative. Farlo qui ha un valore ancora più importante e noi cerchiamo di trasmetterlo alle nuove generazioni. E’ un momento da ricordare e dobbiamo continuare su questa strada per tramandare la memoria anche in chiave contemporanea”. Queste le parole della presidente della commissione Sviluppo economico Ilaria Bugetti.

Il padrone di casa è il sindaco di Cantagallo Guglielmo Bongiorno: “E’ un onore che questa iniziativa abbracci anche il nostro Comune, insieme ad altri quattro della Regione Toscana. E’ particolarmente importante nell’anno delle celebrazioni dantesche e nell’anno della ripartenza dopo la pandemia. La frase del Sommo Poeta ‘E quindi uscimmo a riveder le stelle’ non è mai stata così appropriata come quest’anno. E il fatto che si riparta dalla scuola è particolarmente significativo, perché vuol dire che i bambini possono conoscere la figura di Dante, il padre della nostra lingua”.

Il progetto rientra nelle iniziative organizzate dal Consiglio regionale per celebrare i settecento anni dalla morte di Dante.

I video





Le immagini della manifestazione odierna





La dichiarazione di Cristina Giachi, presidente della commissione Cultura





La dichiarazione di Ilaria Bugetti, presidente della commissione Sviluppo economico e rurale





La dichiarazione di Guglielmo Bongiorno, sindaco di Cantagallo

La fotogallery

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell’Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana